Chi siamo

logopenelopead ognuno secondo i suoi bisogni
ognuno secondo le proprie capacità

L’associazione Penelope. Coordinamento solidarietà sociale esce a dicembre del 1996 ad opera di (allora) giovani assistenti sociali operanti nei servizi pubblici e del privato sociale nel territorio del Distretto socio-sanitario di Taormina.

Nel 1998 si iscrive al Registro Generale Regionale delle Organizzazioni di Volontariato e cambia la sua natura da organizzazione a preminente partecipazione professionale e interessata al dibattito e alla progettazione nel campo delle politiche sociali, a associazione di base che persegue finalità di lotta alla grave emarginazione adulta e di promozione di pari opportunità per tutti.

L’associazione, diversamente da altre organizzazioni dello stesso tipo, individua quale “oggetto” del suo intervento non tanto un bisogno specifico, quanto un territorio. Obiettivo della sua azione è, quindi, la costruzione di una rete per le emergenze sociali (RES) capace di rispondere in maniera diversificata e concreta alle situazioni di crisi che si producono nel contesto territoriale del distretto di Taormina.

L’associazione rifiuta fin dalle sue origini tanto l’impostazione pietistico assistenziale, quanto quella di stampo marcatamente educativa, che caratterizza spesso le esperienze di volontariato sociale, scegliendo di operare nel rispetto dell’individualità e delle scelte autonome delle persone che sostiene e di promuoverne la piena autodeterminazione.

Altra scelta di base che caratterizza l’associazione Penelope è il rifiuto esplicito di qualsiasi mediazione politica nell’accesso alle risorse e ai finanziamenti pubblici e/o nelle scelta dei propri collaboratori nell’ambito dei progetti di intervento promossi dalla stessa.

Negli anni l’associazione ha sviluppato la rete occupandosi di creare una rete di accoglienza, orientamento, sostegno, tutela legale e accompagnamento all’autonomia sociale e lavorativa di adulti e famiglie in situazione di povertà estrema, senza dimora e/o vittime di fenomeni di sfruttamento, violenza ed esclusione sociale.

In particolare (e per esemplificare) l’associazione gestisce servizi di accoglienza e tutela per adulti:

  • senza dimora e/o in stato di povertà estrema
  • vittime di violenza, maltrattamenti e stalking
  • sottoposte a misure dell’autorità giudiziaria
  • dimessi da ospedali psichiatrici civili e giudiziari
  • utenti (in)volontari dei servizi psichiatrici
  • stranieri immigrati vitime di grave sfruttamento sessuale e lavorativo
  • diversamente abili in situazione di gravità
  • dipendenti da sostanze

La rete in atto risulta composta da una serie di servizi/opportunità dislocate su tutto il territorio distrettuale e opera in maniera coordinata e, per quanto possibile, ad integrazione dei servizi pubblici esistenti.

LA CURA – servizio emergenza sociale
via Sebastiano Paladino n. 32, Giardini Naxos

E’ una comunità di accoglienza a bassa soglia, attiva h. 24, 365 giorni l’anno, che accoglie persone senza dimora e/o privi di supporto socio-familiare, provenienti da pIMG_6643ercorsi di emarginazione e/o esclusione sociale, ovvero vittime di violenza e/o sfruttamento o sottoposti a misure dell’autorità giudiziaria.
La struttura fornisce servizi di base e di emergenza (segretariato sociale, assistenza legale, servizio doccia, mensa e ospitalità diurna e notturna di emergenza, mediazione linguistico-culturale, mediazione lavorativa e abitativa …) ad adulti in difficoltà. L’invio può essere autonomo e/o attraverso i servizi sociali e giudiziari (nei casi delle persone sottoposte a provvedimenti dell’autorità giudiziaria).
L’accoglienza e l’accesso ai servizi è gratuita.
La copertura delle spese di accoglienza risulta a carico dei comuni di residenza.

Casa rifugio “L’ECCEZIONE”
via Anacapri 3, Giardini Naxos (Messina)

La casa rifugio “L’Eccezione” nasce nel 2004 nell’ambito di un progetto per il “Dopo di noi” finanziato dall’Assessorato Regionale della Famiglia e mirato ad ospitare persone dimesse dagli ospedali psichiatrici giudiziari e/o da strutture psichiatriche, privi di autonomia sociale e di supporto familiare.

La struttura

CASA LOCA
Casa Loca 1 – via Umberto 120, Gaggi (Messina) – Casa Loca 2 – via Anacapri 3, Giardini Naxos (Messina)

NUVOLE
via   Villamena 18, Gaggi (Messina)

BANCO DEL MUTUO SOCCORSO
via Liguria 12, Francavilla di Sicilia (Messina)

HELP CENTER “Felicia Impastato”
via Cristoforo Colombo (ang. via Cavour), S. Teresa di Riva (Messina)

CENTRO LILLIPUT
c/o Aula Consiliare San Teodoro (Messina)

PENELOPE SOCIAL CLUB
via Umberto 114, Gaggi (Messina)

AGORA’
via Sardo 20, Catania